Ogni lasciata è persa

Si è concluso da poco più di una settimana il fantastico doppio Workshop tenuto a Roma ed organizzato dal Concentus Study Group con Ilse Beunen ed Anne-Riet Vugts.

In copertina il gruppo dei partecipanti al Workshop a vario titolo, maestri allievi, ceramisti e aiuto fotografo, manca solo Ben che ha scattato la foto 🙂

Per me è stato il quarto Workshop Internazionale a cui ho partecipato e tre dei quali tenuti da Ilse. Sono stata molto contenta di aver rivisto Ilse e Ben e di aver conosciuto Anne-Riet.

Ilse e Anne-Riet sono state delle insegnanti fantastiche, hanno aiutato i partecipanti e corretto ogni Ikebana realizzato con la stessa pazienza, cura e precisione. Eravamo piu di trenta partecipanti, ma ogni lavoro preso in esame è stato spiegato con motivazioni e consigli preziosi. Personalmente non lo dimenticherò.

Ogni Workshop è un esperienza unica e da quando ho fatto il primo non posso più rinunciarci. Non so se riesco a far capire cosa si provi a vivere una giornata intensa ed appagante come quella di un Workshop. Se poi ci sono due insegnanti del calibro di Ilse e Anne-Riet il tempo si trasforma in uno studio continuo. Non si sono risparmiate in niente dandoci ogni tipo di aiuto, consiglio e suggerimento tecnico, andando anche oltre il loro “dovere” d’insegnanti. Sono felice di esserci stata e ricorderò questa magnifica esperienza come un momento felice di crescita e studio.

Un grazie lo devo fare anche ai due maestri Luca Ramacciotti e Lucio Farinelli per i temi proposti. Temi spesso non realizzati in un Workshop per la loro complessità e difficoltà.

Il wabi-sabi. Fantastico è difficilissimo.

Realizzare un contenitore con un tubo. Molto creativo e nuovo.

22539765_1519413138105628_9056126407651638872_n
Anne-Rit ed io

Lavorare con il bamboo. Difficile ma bellissimo.

Ikebana su uno stand. Equilibro e grazia.

Queste le foto delle lavorazioni fatte da Ben Huybrechts. Nel prossimo post i lavori finiti.

OUD IMPERIAL – Perris Montecarlo

L’ikebana che apre questo post è un omaggio ad un profumo che ho scoperto a Pitti Fragranze Oud Imperial di Perris Montecarlo.

Non a caso in questo profumo l’Oud è miscelato con altre preziose note legnose come Cedro Atlas, Vetiver di Java e legno di Sandalo che mi suscitano sensazioni di rotondità, calore, colore e Oriente.

L’Oud è una fragranza che ricorda un odore quasi animale, simile al cuoio. Una sensazione quasi ipnotica, corposa che ti rapisce per ore.

Le principali note sono:

Testa: gelsomino e cumino

Cuore: incenso, patchouli, zafferano base, legno di sandalo

Fondo: blackwood, cisto, vetiver

Forse leggendo quello che contiene questo profumo, si può capire meglio il mio lavoro, per “visualizzare” questa fragranza dovevo realizzare un ikebana che fosse importante e con un carattere preciso.

Devo dire che amo molto questo profumo, l’ho annusato per giorni prima di decidere con quali materiali rappresentare la sensazione olfattiva che mi trasmetteva.

Questo ikebana assomiglia molto all’Oud Imperial (secondo me) a suo modo cattura l’attenzione e non può essere ignorato, come del resto il profumo creato da Perris.

Può piacere o no, ma quello che è veramente interessante in questo lavoro (e in tutti quelli che richiedono una certa creatività) è il processo di sintesi.

Le emozioni suscitate dall’olfatto si traducono in sensazione visiva che a sua volta trasmette emozioni. Se le “onde” delle emozioni (olfattive e visive) sono simili abbiamo centrato l’obiettivo.

E’ molto difficile da spiegare, si entra nel mondo personale di ognuno, ma alcuni elementi sono per così dire “standard” riconoscibili da tutti più o meno nello stesso modo.

Chi conosce il profumo, spero apprezzi questa mia rappresentazione e ringrazio il mio Maestro Luca Ramacciotti che non smette mai di stimolare la nostra creatività con nuovi temi e nuove sfide.

perris-montecarlo-oud-imperial-edp-100-ml
la bottiglia di OUD IMPERIAL

Continua a leggere “OUD IMPERIAL – Perris Montecarlo”